E ora ti modero io!

Ogni tanto devo farlo anche io, devo esprimermi a riguardo della politica del nostro caro Paese nonostante non mi piaccia particolarmente. Non mi piace perché le mie idee sono spesso molto distanti da ogni retorica che ci viene propinata ogni giorno e non voglio che qualcuno venga a inserirle a tutti i costi entro certi paletti.

L’argomento di questo breve (come di consueto) post riguarderà quello strano animale da seggio, il quale da alcuni anni a questa parte viene corteggiato da ogni corrente politica: il Moderato.

Prima di tutto cerchiamo di capire come possa essere un Moderato, esso sarà sicuramente portatore della qualità della moderazione, qualità che, secondo il mio economico e malconcio dizionario, rappresenta la virtù di che è moderato; sobrietà, temperanza, che si contiene entro giusti limiti.
Eccola la parola magica: i Limiti! Ma a quali limiti si appellano i partiti politici?
Il primo limite, da me individuato, è la memoria: deve essere limitata, anzi limitatissima, non deve poter ricordare le parole utilizzate fino a pochi mesi prima che dicevano il contrario esatto di quello che viene detto oggi, perché solo le incantevoli parole di oggi sono valide.
Il secondo limite deve essere, evidentemente, di coscienza: il buon Moderato ha coscienza solo di quello che succede nel proprio giardinetto di casa, probabilmente vive in una bolla di sapone dove i suoi problemi riguardano la collettività mentre i problemi della collettività non lo riguardano affatto, gli schiava come si schiva un escremento di cane sul marciapiede, nella più totale indifferenza e col viso leggermente contratto in una espressione di disgusto.
Il terzo limite, che forse rappresenta la causa degli altri due, è il tempo. Il Moderato ha un tempo limitato, non può perderlo ad informarsi, non può fermarsi a riflettere un momento su quello che gli accade intorno è sempre e costantemente impegnato in faccende più importanti, come lavorare, se ce l’ha, dibattere sull’ultima azione dell’attaccante della domenica o sulla acconciatura di quella starlette tanto amata oppure delle prossime ferie a rate che passerà in uno dei tanti paradisi dell’abusivismo selvaggio; come può il nostro Eroe decidere, se è così affaccendato da questi innumerevoli impegni? Ecco che arriva in suo soccorso il grande politico, che lo prende sottobraccio, gli parla a slogan, unica lingua a lui comprensibile, e gli dice per chi votare. Il successo è assicurato!

È chiaro che il ritratto da me maldestramente eseguito del Moderato è lo stesso del cosiddetto Italiano Medio, è palese che siano la stessa persona; il Moderato è moderato in tutto meno che nei suoi interessi, è quello che desidera il SUV ultimo grido, la casetta sulla spiaggia, la prostituta nella periferia della sua città e l’immigrato lontano dal suo paese ma non perde mai l’occasione di piangere miseria, condannare la promiscuità, assumere un operaio di colore in nero nella sua fabbrichetta e di cercare sempre la scappatoia in tutto.
Ora che ho finito con i luoghi comuni posso iniziare con il mio sfogo: ho scritto queste confuse righe perché sono stanco di vedere sempre le solite facce, il cambiamento, quello vero, non si fa con moderazione, non si è mai fatto nulla con la moderazione, ve lo immaginate Cristoforo Colombo che tratta con la regina Isabella di Castiglia con moderazione? Cosa avrebbe ottenuto? Forse una caravella e una barca a remi.
La situazione attuale non può essere gestita con moderazione, i cambiamenti sociali negli anni ’70 sono avvenuti con degli scontri duri, a volte furiosi, a volte eccessivamente violenti, ma hanno portato alla costituzione di uno stato moderno e un po’ più giusto ed egualitario, se si vuole guidare il cambiamento ma con moderazione non si va da nessuna parte, la moderazione verrà poi dal compromesso fra le parti in competizione e sarà il risultato del processo di cambiamento.
Probabilmente sono troppo ottimista ma non posso farci nulla, così sono e così mi piace essere.

VOTA CHI LEGGE!

Vorrei fare una piccola premessa: l’idea iniziale di questo blog era di raccogliere riflessioni conseguenti a ciò che in prima persona vivo con amici e compagni di corso, ma ieri sera è accaduto qualcosa in famiglia che vorrei raccontare.

Come tutte le sere, cenavamo a tavola davanti alla TV ed in onda c’era il solito programma-spazzatura col quale il digitale terreste allieta le nostre serate in famiglia. Quel genere di palinsesto non mi soddisfa per nulla, ma per evitare le solite accuse di essere un rompiscatole resto zitto e mi concentro sul mio piatto. Almeno finché parte la pubblicità, quando, con una mossa fulminea, e sfruttando il calo dell’attenzione conseguente, cambio canale, passando ad uno notiziario. Il babbo si accorge immediatamente del mio “attentato” e commenta così: “Uff… ancora?” visibilmente scocciato, (ricca di significato è stata infatti l’espressione che ha accompagnato queste parole). A questo punto mi è sorto spontaneo chiedere come lui si informi su ciò che accade nel mondo. Del resto quest’oggi nessun telegiornale è stato seguito durante il pranzo e, che io ricordi, nemmeno durante la cena di ieri. La sua risposta è rapida: “Io ne ho visto uno stamattina e poi guardo Sky tg24, dove danno più notizie”. Così ho scoperto che mio padre riesce guardare il telegiornale dormendo, visto che quando si siede di fronte alla TV della mansarda crolla come un orso in letargo.

Dopo questa lunga ma necessaria introduzione, arriva la mia riflessione: come possono persone come mio padre prendere decisioni serie e ragionate su come meglio esercitare il proprio diritto di voto? Perché si è arrivati a questo? Anche se forse, dopo questa mia “sparata”, mi si potrebbe accusare di arroganza nei confronti di chi non si informa, sono certo che si potrebbe sviluppare un interessante dibattito su uno dei diritti più importanti ma allo stesso tempo più sottovalutati della partecipazione civile attiva.

Difficile tirare conclusioni risolutive nel post di un blog. Quello di cui sono certo che questo atteggiamento menefreghista nei confronti di ciò che succede appena fuori la porta sia sempre esistito e che sia incrementato in questi ultimi tempi come difesa inconscia ai continui bombardamenti mediatici operati da mass media che scelgono sempre le notizie più sciocche. Ma non per questo va giustificato, anzi, individuarne la causa può essere un punto di partenza per la ricerca di una soluzione.